Procedura di ammissione

Le domande di ammissione sono ordinate secondo alcuni criteri di priorità:

  • la situazione pisico/fisico/sociale dell’Ospite;
  • la data di presentazione della domanda stessa.

La procedura di ingresso prevede:

  • uno o più colloqui con i parenti e/o l’Anziano;
  • una visita domiciliare, qualora necessaria e/o richiesta;
  • un’eventuale visita della struttura da parte dell’Anziano e/o parente.

Ad ogni Ospite è assegnato un posto letto a seconda della disponibilità della struttura tenuto conto, nei limiti del possibile, dell’età, del temperamento e delle eventuali affinità tra gli anziani che alloggieranno nella stessa camera. Per coniugi e congiunti, che lo richiedano, è possibile l’assegnazione della camera a due posti letto, qualora disponibile.

L’ingresso nella struttura

Il giorno dell’ingresso all’Ospite e ai parenti vengono descritte le dotazioni della camera (campanello per le chiamate di emergenza, televisore, servizi igienici, etc.), l’ubicazione degli spazi comuni ed i loro utilizzi, l’indicazione delle persone a cui rivolgersi per qualunque bisogno. L’Ospite viene poi presentato a tutti gli altri Ospiti di struttura.

I parenti e gli accompagnatori vengono invitati a fermarsi tutta la giornata, anche durante i pasti. Infine vengono indicati i principali momenti della giornata: alzata, igiene, pasti, animazione, santa messa, presenza del medico in struttura, etc.

Il primo mese

Il primo mese di accettazione è considerato periodo di prova entro il quale il personale addetto effettuerà le dovute valutazioni e verifiche socio sanitarie (redazione del P.A.I.) a fronte delle quali potrà essere prevista anche la variazione dell’importo della retta.

Se nel corso della permanenza risultasse una situazione psico-fisica diversa da quella inizialmente dichiarata o insorgessero situazioni tali da mettere a repentaglio la salute degli altri Ospiti o causare danni alla Struttura, la Direzione si riserva, a suo insindacabile giudizio, di procedere alla dimissione dell’Ospite.